Le Fleur du mal – le donne in manicomio ai tempi del fascismo

EsposizioneVenerdì Novembre 11
imG


Dove
Casa della Memoria e della Storia
Via di San Francesco di Sales 5, 00165 - Roma
Guarda la mappa
Quando

dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 20,00.

Quanto

ingresso libero



Dove
Casa della Memoria e della Storia
Via di San Francesco di Sales 5, 00165 - Roma
Guarda la mappa
Quando

dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 20,00.

Quanto

ingresso libero

Le fleur du mal per dirla alla Baudelaire.

Così come lui vedeva nella poesia il “fiore” nato dal male che consentiva all’anima di intravedere gli splendori che brillano dietro l’oscurità, così le donne mostrate in questa esposizione sono il fiore nato dal dolore e dal male causato durante il periodo fascista, che non è riuscito a piegarle e privarle della loro personalità.

Mogli, madri e figlie, che furono recluse, estromesse e marginalizzate dalla società dell’epoca, alle quali l’esposizione vuole restituire voce e umanità.

Tra le maglie delle istituzioni totali rimasero imbrigliate anche quelle donne che non seppero esprimere personalità adeguate agli stereotipi culturali del regime o non assolsero completamente ai nuovi doveri imposti dalla “Rivoluzione Fascista”.

Durante il regime si ampliarono i contorni che circoscrivevano i concetti di emarginazione e di devianza e molte di loro finirono nei manicomi, che videro l’accentuarsi della loro dimensione di controllo e di repressione.

I curatori hanno voluto raccontare le storie di queste donne a partire dai loro volti, dalle loro espressioni, dai loro sguardi. Alle immagini sono state affiancate le parole: quelle dei medici, che ne rappresentarono anomalie ed esuberanze, ma anche quelle lasciate dalle stesse protagoniste dell’esperienza di internamento, nei diari e nelle lettere scritte ai familiari che, censurate, sono rimaste nelle cartelle.

Una mostra dedicata alle donne, forti, che nonostante tutto hanno sempre la speranza nel cuore e nell’avvenire.

Comments

Altri contenuti

Interessanti

Intervista

inspire, connect, build

By martinadabbondanza in Interviste