Il teatro degli orrori

ConcertoGiovedì Febbraio 9
teatro_orrori


Dove
Qube
Via di Portonaccio 212, 00159 - Roma
Guarda la mappa Alphaville Cineclub
Via del Pigneto 283, 00176 - Roma
Guarda la mappa
Quando

21:30

Quanto

18 euro



Dove
Qube
Via di Portonaccio 212, 00159 - Roma
Guarda la mappa Alphaville Cineclub
Via del Pigneto 283, 00176 - Roma
Guarda la mappa
Quando

21:30

Quanto

18 euro

Ecco, Il Teatro degli Orrori è uno di quei gruppi che riassume molti dei requisiti idonei a farmeli stare altamente sulle palle per principio, e invece no. 
Invece li adoro.
Con quel fare teatrale e altezzoso, i continui riferimenti culturali sempre volutamente oscuri e ricercati, gli intervalli parlati, Artaud, i side projects sperimentali, l’impegno politico in stile anni ’70, il linguaggio estremo.
E invece, niente, li adoro da sempre, così come adoravo i One Dimensonal Man: per me, Pierpolo Capovilla può fare quello che vuole ormai, anche una traccia di 12 minuti in cui legge gli ingredienti di una ricetta della nonna, commentandone l’apparato semiotico vocabolo per vocabolo, e non batterei ciglio.
Anche perché nessuno come lui, e come i suoi compagni, sa unire teatro, Artaud, impegno politico, sperimentazione, una certa apparente idiosincrasia per il contemporaneo, con quella valanga di modernità, violenza verbale e rock’n’roll che riescono a rigurgitare nei loro brani. 
Stasera suonano pure i Marlene Kuntz, ma con tutto l’amore e il rispetto per Cristiano Godano & Co., la scelta è abbastanza ovvia.

Per concludere, anche Calcutta riassume molti dei requisiti idonei a farmelo stare sulle palle per principio.
“E invece?”
 Invece niente, finisce lì la frase.

Comments

Altri contenuti

Interessanti

Intervista

Inspire,Connect,Build

By martinadabbondanza in Interviste



Storia

I’ll drink responsibly when they will make a brand of whiskey named Responsibly