180°/#3 IL FELAFEL

Oggi vi proponiamo una ricetta speciale: i falafel. Dietro queste polpettine di ceci si cela la storia un grande amore che si conferma e ci accompagna ogni volta da oltre un anno.
Quando abbiamo varcato per la prima volta la soglia di una cucina professionale, oltre alla tanta eccitazione e quel po’ di sana paura che accompagna ogni esordio, avevamo con noi tante e disordinate idee. Gli ingredienti della nostra lista della spesa ci aspettavano su ripiani, sembravano guardarci preoccupati circa il loro destino; noi dal canto nostro, avremmo voluto rassicurarli, per tanquillizzare di conseguenza noi stesse, ma non potevamo farlo. La cruda verità della nostra inesperienza, questa volta da intendere davvero in senso letterale, si avvicinava scandita dal cinico ticchettio del timer.
Preparazione dopo preparazione, immaginatevi il susseguirsi di un’escalation di imprevisti, un crescente e rocambolesco barcamenarsi tra piccoli disastri e grandi nervosismi. Momenti di puro caos.
All’improvviso, persa ormai ogni cognizione spazio-temporale, ecco che però una nuova e imprevista sensazione di pace e appagamento ci pervade. Un calore si diffonde dentro di noi, e non è solo quello che proviene dai fornelli. È il miraggio di un traguardo che si fa sempre più vicino.
Mentre immergiamo i falafel nell’olio bollente ci accorgiamo che ormai quasi tutte le portate sono uscite, sentiamo il vociare della gente nella sala, qualcuno addirittura si affaccia in cucina a farci i complimenti. Solo allora ci accorgiamo davvero di averla spuntata, magicamente ogni taglio, scottatura e incazzatura, diventano un ricordo lontano. Al primo morso di falafel caldo ci sentiamo già le regine della cucina, ed è così che, senza rendercene conto, inizia la nostra storia d’amore, mentre ormai goliardiche friggiamo e spizzichiamo.
Vi abbiamo raccontato l’esordio della nostra avventura. Dopo più di un anno abbiamo imparato tante cose, una di queste, è l’infallibilità del falafel: una ricetta impossibile da sbagliare, che con la sua semplicità e il suo gusto ha sbalordito chiunque l’abbia assaggiata (del resto col fritto si va sul sicuro: fritta è buona ogni cosa, anche una suola di scarpa, ma il falafel le supera tutte!).
Vi sveliamo dunque la nostra ricetta segreta:

Ingredienti per tre persone:
- 300g di ceci secchi
- un mazzo di prezzemolo
- uno spicchio d’aglio
- una cipolla piccola
- cumino
- sale
- pepe

per la salsa allo yogurt:
- due vasetti di yogurt bianco
- erba cipollina
- mezzo limone
- sale
- pepe

Mettete in ammollo i ceci per almeno 12 ore (non si può dire che non sia una decisione ponderata, ma fidatevi ne vale la pena), successivamente scolateli e tritateli con un mixer insieme a cipolla, prezzemolo sminuzzato, aglio, un pizzico di cumino, e ovviamente sale e pepe. A questo punto iniziate a formare delle polpettine schiacciate, quindi disponetele su di una teglia e mettetela in frigo per un ora circa. Durante questa fase di riposo, iniziate a preparare la salsa in cui intingere i falafel, in una ciotola versate i due vasetti di yogurt, l’erba cipollina tritata, il succo di mezzo limone, sale e pepe, e mettete anche questo in frigo. Trascorso il tempo necessario friggete i falafell in olio bollente. Dunque salate e servite bollenti (ma vi assicuriamo che nessuno li ha mai disdegnati neanche da freddi!) e accompagnati dalla salsa.

Muffin Monroe

Comments

Altri contenuti

Interessanti

Intervista

Inspire,Connect,Build

By martinadabbondanza in Interviste



Storia

I’ll drink responsibly when they will make a brand of whiskey named Responsibly