Ballroom Chronicles #3

Il modo in cui la musica viene distribuita ha cambiato sensibilmente il panorama della cultura della musica house, i negozi di dischi erano il luogo in cui molti dj si incontravano. Oggi un file viene spedito direttamente da una persona a un’altra e scaricato gratuitamente, e ognuno ha la possibilità di essere un producer o un dj, con la tecnologia a disposizione. Ciò rende difficile per chiunque essere ascoltato con attenzione, perchè il mercato è sovraffollato. Tutto sembra disponibile, a portata di mano, perchè nulla è tangibile come un tempo, sembra un paradosso.
La storia di Kerri Chandler è così lunga e gloriosa che servirebbe un intero libro per raccontarvela.
Kerri è uno di quei nodi che hanno fatto grande la house, l’ha presa per mano quando era ancora tutta una questione di pattern freddi e meccanici e le ha infuso il calore del funk, i graffi del soul, i contrappunti del jazz e di tutta la black music che ha caratterizzato l’evoluzione del genere negli anni ’90.
House e techno sono nate in America, ma fino a pochi anni fa erano ancora di una sottocultura di nicchia dalle vostre parti, mentre in Europa la scena si era sviluppata ed espansa in modo consistente; poi il mainstream EDM e i grandi festival hanno portato alla ribalta la dance anche negli USA.
La musica di Kerri è tutto un grosso esperimento che potrebbe avere una specie di “ritorno di fiamma” e diventare un nuovo “disco sucks” (uno slogan popolare nell’America di fine anni ’70, quando il fenomeno della disco, da glamour e modaiolo, diventò in poco tempo stantio e “uncool”, NdA).

“Suono tutto ciò che possa suonare come “deep house” e mi suoni bene”.
Kerry Chandler

La tecnologia ha cambiato il modo in cui si produce, non ci sono più gruppi, cantanti o musicisti nella scena deephouse, il dj/producer è diventato l’artista, in prima persona. Laddove c’era il cantante con i musicisti, anche nei club, oggi c’è solo il dj. E che DJ! Se ve lo siete persi ieri sera al Ballroom 2016, recuperate qualche pezzo di Kerri Chandler e lasciatevi cullare e inglobare dal meltinpot musicale di questo grande artista della Deep.

Valentino Cuzzeri

Comments

Altri contenuti

Interessanti

Intervista

Inspire,Connect,Build

By martinadabbondanza in Interviste



Storia

I’ll drink responsibly when they will make a brand of whiskey named Responsibly