Christian Imbriani

Ciao Christian, come stai? Che ci racconti?
Cara LeCool, ciao! È sempre un piacere ritrovarci per parlare d’arte e di belle cose. Posso dirti che sto bene ora, più avanti non lo so, ma adesso è tutto OK. Riserviamoci sempre dei dubbi sul futuro che è sempre una buona cosa da fare, intanto godiamoci il presente e quanto di caotico esso ci offre.
Ti racconto che sono impegnato in tante belle attività lavorative e non, e rivolgendomi a chi attende con ansia qualcosa da me e legge questa intervista, dico scusandomi, che sto lavorando anche per lei/lui e finirò quanto prima grazie ai miei potenti mezzi (?!?).

Cosa ci hai disegnato in copertina in questo numero?
Ho voluto omaggiare LeCool e i suoi lettori con una cover che è un frutto di un personale studio pittorico ancora in gestazione, che vuol analizzare la figura della donna in chiave personale e moderna, classica e al tempo stesso nuova.
Una donna sensuale e materna insieme, amante di tutto ciò che è naturale e che disprezza le sovrastrutture; libera di affermare se stessa con la sua personalità in un ambiente che l’ha fatta crescere in cattività ma senza mai abbattersi o perdersi d’animo, divenendo fonte d’ispirazione ed esempio per gli altri.
Siamo agli inizi di questo progetto pittorico ma credo d’essere sulla buona strada.

Guardando i tuoi lavori salta agli occhi che i protagonisti sono molti e spesso eroi dei fumetti, o personaggi leggendari del cinema. Come mai? Qual’è il tuo rapporto con loro e con quella realtà?
Lavoro nel cinema e nel teatro dal 2007 e da allora la creazione di scene e costumi sono per me motivo di soddisfazione professionale e umana. L’ideazione di un personaggio e la sua effettiva collocazione nello spazio scenico, seguono lunghi e articolati processi creativi che coinvolgono più maestranze tecniche e artistiche che lavorano in sintonia con l’unico obiettivo della perfetta riuscita dello spettacolo. Fornire idee sull’ “attitude” di un personaggio e sulla sua presenza fisica (o virtuale) in uno spazio predefinito, sono una delle mie attività in questo grande mondo che è lo showbiz.
Il cinema più recente vuole i supereroi dei fumetti o del fantasy come protagonisti delle pellicole, e io non faccio altro che fornire materiale tangibile che alimenta i sogni dello spettatore.

Ce n’è uno in particolare che ti piace (o ti è piaciuto) disegnare? E perché?
Difficile risposta, ma posso dire che Ironman resta il personaggio più complesso da raffigurare, perché ricco di particolari che ne seguono un filone stilistico ormai decennale e che si evolvono con Tony Stark e con il gusto dell’era a lui contemporanea, fattori che proseguono entrambi su un binario parallelo alla nostra vita reale.
Mi diverte molto caratterizzare il volto e il corpo di Hulk e ricrearne una nuova anatomia simbolo di una brutale e innata forza fisica e spirituale: la maggior parte delle persone crede che Hulk sia l’incarnazione della rabbia, io credo invece, che Hulk sia l’istinto di sopravvivenza che viene fuori.

Non sei di Roma, ma che rapporto hai con la capitale? Che le diresti se fosse una persona vera?
Per me Roma è la città che mi ha dato ospitalità mentre muovevo i primi passi nel cinema, dove ho conosciuto molti colleghi e dove ho imparato tanto anche su come va vissuta la vita di tutti i giorni.
Roma è una cara amica che ti piace sentire e rivedere, che non ti nega mai un sorriso e che ti fa divertire e sognare come solo lei sa fare.
Fosse una persona vera, e per me un po’ lo è già, le chiederei di uscire la sera insieme per raccontarci cose belle e per ridere spensierati come solo due buoni amici sanno fare.

Dove possiamo vedere i tuoi lavori?
Nota dolente. Il mio sito web è in costruzione e vi prometto che sarete i primi a sapere quando sarà online. Intanto qualcosa la si può vedere e leggere su FacciaLibro!

Progetti futuri e sogni nel cassetto.
Per scaramanzia e obblighi di produzione ometto la risposta sui progetti futuri, anche spargo preview senza ritegno! Per i sogni dico che il cassetto è chiuso e la chiave ce l’ha solo una persona adesso.

 

Comments

Altri contenuti

Interessanti

Intervista

Inspire,Connect,Build

By martinadabbondanza in Interviste



Storia

I’ll drink responsibly when they will make a brand of whiskey named Responsibly