Stefano Tarquini

Ciao Stefano, come stai? Come va la vita?
Ciao, fortunatamente tutto bene grazie. La vita prosegue, sono sempre in ricerca d’ispirazione e di nuove idee da riportare su carta ma sembra che vada tutto nel verso giusto.

Che ci hai disegnato sulla cover di questo numero di LeCool?
Ho scelto una volpe, un animale che amo disegnare e penso mi rappresenti per la sua scaltrezza e imprevedibilità. Lo considero un po’ il mio animale guida perché quando ho vissuto a Londra rientrando a casa dal lavoro a tarda notte ne incontravo sempre una che sembrava mi aspettasse vicino casa e poi essendo cresciuto in un bel paese pieno di verde e di boschi è sempre stato semplice avvistarle

Il tuo è uno stile che richiama spesso allo stile liberty dei primi del 900, sbaglio? Chi consideri i tuoi maestri?
Si adoro Alfons Mucha e lo stile liberty ma la mia più grande inspirazione viene da grandissimi tatuatori internazionali di quest’epoca come Eckel, Lus Lips e tanti altri ancora.
Ho avuto la fortuna di imparare il mestiere in uno studio pieno di giovani talenti, ho potuto apprendere ogni giorno qualcosa da ognuno di loro e per questo ancora li ringrazio enormemente.
Sei un tatuatore oltre che un illustratore. Da quanto tempo lo fai?
Sono un tatuatore da poco più di due anni. Finalmente dopo tanti sforzi e difficoltà ho potuto trasformare l’amore per il disegno nel mio lavoro e mi impegno quotidianamente per migliorare sempre di più. Trovo ci sia qualcosa di quasi magico nel poter lasciare un segno indelebile sulla pelle delle persone, interpretare una loro idea o rendere incancellabile un momento importante della loro vita. Penso che sia un’enorme responsabilità e cerco di farlo sempre con impegno e con tutto l’amore possibile. Ovviamente so che il percorso è ancora lungo ma non sono un tipo che si arrende!

Quanti tatuaggi hai?
21, ognuno con una grande importanza!

Cosa hanno detto i tuoi genitori del primo tatuaggio che ti sei fatto?
Ho la fortuna di avere dei genitori molto aperti mentalmente. Non vorrebbero vedermi ricoperto dalla testa ai piedi ma non è nel loro stile giudicare una persona dalle apparenze e da ciò che scelgono di fare con la propria pelle.

Cosa ti piace di più tatuare?
Sicuramente gli animali

Quale parte del corpo ti piace tatuare di più e perché.
L’avambraccio è uno dei miei punti preferiti, è comodo e la pelle reagisce bene nella maggior parte dei casi.

Dacci delle coordinate per seguire il tuo lavoro.
Instagram: tarkink_tattoo

Facebook: Stefano Tarquini
email: stefanotarquinitattoo@gmail.com

Salutaci raccontandoci un tuo progetto all’orizzonte o che ti piacerebbe realizzare
Ciao Roma Le Cool! Ci vediamo presto in studio o in una delle tante tattoo convention italiane e internazionale alle quali spero presto di iniziare a partecipare!

Comments

Altri contenuti

Interessanti

Intervista

inspire, connect, build

By martinadabbondanza in Interviste