Susanna Rumiz

Ciao Susanna! Come stai? Come va la vita?
Tutto bene, oggi giornata d’autunno piovoso, rimango volentieri sul divano al calduccio a leggere.

Cosa ci hai disegnato sulla cover di questo numero e cosa ti ha dato ispirazione?
I mercatini dell’usato mi piacciono molto, sono dei posti magici in cui si trovano sempre cose meravigliose.
L’ispirazione arriva quasi sempre da qualche scarabocchio a penna sul mio sketchbook. Quando non sto lavorando di fronte al computer e ho un attimo libero cerco di disegnare il più possibile, ed è lì dentro che di solito nascono i personaggi e le idee più interessanti.

Qual è stato il tuo percorso? Quale credi abbia rappresentato una tappa fondamentale fino ad ora?
Il mio percorso è stato abbastanza lineare: lo sapevo già da subito che volevo disegnare, il problema era come farlo diventare un lavoro! infatti è solo dopo le superiori e qualche anno disperso in cui non sapevo bene come procedere che ho scelto l’illustrazione. Ho frequentato il corso triennale di illustrazione allo IED di Milano e poi sono ritornata qui a Udine dove vivo e lavoro.

Credo che la tappa fondamentale sia stata trovare uno spazio di lavoro fuori casa in condivisione con altre persone. Era il primo anno dopo l’università e il confronto con altre realtà creative e l’essere circondata da mille stimoli e idee mi è stato d’infinito aiuto.
Attualmente lavoro in un piccolo ufficio in centro città, lo SpaceTea Studio che condivido con due amiche: Aretha disegna videogiochi e colora fumetti e Sara si occupa di architettura.

Cambieresti qualcosa di ciò che hai fatto fino ad adesso?
Svariate teorie sui viaggi nel tempo ci insegnano che andare a cambiare anche il più microscopico puntino nel passato equivale a stravolgere il presente. Quindi no, lasciamo pure le cose come stanno.



I 3 colori che non possono mai mancare nella tua palette.
Aiuto che domanda difficile. Scegliere una palette di colori è la cosa più importante e la prima cosa che faccio all’inizio di ogni lavoro. Al momento credo di non poter rinunciare all’arancione, al verde acidino e al viola

.

Se potessi chiamare te stessa 5 anni fa per 30 secondi, che cosa ti diresti?
Rilassati, continua a disegnare e andrà tutto bene.

Dove possiamo vedere i tuoi lavori? Dacci qualche coordinata.
Ho un sito: http://www.susannarumiz.com/
un blog con disegni vari : http://susannarumiz.tumblr.com/
e qui un pò di cose a random: https://www.instagram.com/susannarumiz/


Progetti futuri e sogni nel cassetto che possono essere svelati?
La recente scoperta che disegnare fumetti è terribilmente divertente, unita al fatto che Laura Guglielmo mi scrive delle storie fantastiche, ha inevitabilmente generato nuovi progetti su cui non vedo l’ora di iniziare a lavorare!! Ne saprete di più il prossimo anno ;)

Comments

Altri contenuti

Interessanti

Intervista

Inspire,Connect,Build

By martinadabbondanza in Interviste



Storia

I’ll drink responsibly when they will make a brand of whiskey named Responsibly