Le Top 10 sui locali del Pigneto sono una fregatura (tranne questa)

PigneTown#12
Lo ammetto: io amo la puerile pratica delle top 10 più di Rob e Barry di “Alta fedeltà” (anzi, le loro mi sa che erano top 5. Vabbè…). Questa volta però ero un po’ riluttante, perché ultimamente le testate on-line ne stanno a dir poco abusando. A convincermi è stata la lettura dell’ennesima mini-guida sui 10 locali da non perdere al Pigneto. Esattamente come quelle che avevo letto in precedenza, anche questa lista includeva, per la maggior parte, locali che in un certo senso potrebbero essere definiti “turistici”: carini, rinomati, sedicenti innovativi, e con cibo e alcolici deludenti. Io invece mi sono sforzato (si fa per dire, in realtà è stato piuttosto facile) di segnalare dei locali che oltre ad essere molto carini, prestino anche una certa attenzione alla qualità di ciò che propongono – che si parli di cibo, alcolici, musica o cinema. E quindi, in ordine sparso, ecco i miei 10:

10670006_10205112707443937_2705143654623515765_n
Mezzo

Forse non dovrei dirlo, ma lo dico lo stesso: lui è proprio il mio preferito! E non solo il mio, in realtà: Mezzo è il bar di riferimento di tutti quelli che il quartiere lo conoscono veramente. Inoltre – non lo dico come un giudizio positivo o negativo, ma come una semplice constatazione – è tra i locali più amati dalla folta tribù hipster di zona. Situato sull’isola pedonale, si contende con Co.so la palma per i migliori cocktail del Pigneto. Ha solo distillati di alta qualità e la sua selezione di Vermouth è impareggiabile.

11081269_10206625547663831_1379936472129709420_n
Bestia Mora

Rimanendo in tema hipster, Bestia mora è forse il locale con la più alta concentrazione di barbe e jeans risvoltati di tutta la città. Vi accoglie con invitantissimi divani vintage e biciclette appese alle pareti. A cena menù originale, ottima cucina e prezzi decisamente bassi. Buone anche le birre. Bravi!

1391676_10202406048738995_528195406_n
Dal Verme

Con un’atmosfera underground e cool al tempo stesso, il Verme ha un appeal molto berlinese. Grazie ai concerti che ospita, è diventato un punto di riferimento per gli amanti della musica indipendente di tutta Italia. Strepitosi i cocktail, ottime anche le birre artigianali e tutto il reparto beverage in generale.

10392489_10205524304893450_7629314462835663257_n
Co.so

Vorrei essere più originale nel parlare di Co.so, ma dovendo presentarlo a dei lettori che potrebbero non conoscerlo, come faccio a non partire dal fatto che è il bar di Massimo D’Addezio, ex bartender dell’Hotel De Russie, stella polare di tutti i romani amanti dei cocktail? Altra tappa imprescindibile nel tour dei locali del Pigneto.

10169237_1416662481931500_6826517378990230569_n
Wench

Ecco, ora prestate molta attenzione perché questo pub difficilmente lo troverete sulle guide patinate. Intanto, per chi non lo sapesse, “wench” vuol dire sgualdrina, ma noi “di zona” lo chiamiamo semplicemente “i pirati” – e già da questo potete farvi un’idea del tipo di locale di cui parliamo. L’unico aggettivo che mi viene in mente per descriverlo è “hard core”, ma questo non vi porti a credere che al Wench servano robaccia – al contrario: si beve davvero bene, dalle birre ai distillati. E quando tutti gli altri locali hanno chiuso, potete sempre contare sui pirati. Loro chiudono intorno alle 7 del mattino. N.B. Astenersi amanti dei locali pettinati.

10533446_10205255723179075_5835417496103522070_n
BiRstrò

BiRstrò è uno dei migliori ristoranti della zona ma è, ancor prima, un birrificio (attenzione a quella “R” nel nome che molti non notano). Servono birre che loro stessi definiscono a km 0,005, nel senso che le fanno proprio là dentro, a 5 metri dal bancone. E del resto i maxi fermentatori da 300 litri che vedrete aldilà di una vetrina non lasciano alcun margine di dubbio.

10394141_854162597959985_3813126481846758115_n
Il Kino

Il Kino è un vero gioiellino, uno di quei posti che se non ci siete mai stati, andateci tipo immediatamente. Al suo interno una piccola sala cinematografica, un bistrot, un bar e un romantico salottino, rappresentano il punto di raccolta del’ “intellighenzia” del quartiere (e non solo). Oltre a proiettare splendidi film sei giorni su sette, Il Kino organizza letture, dibattiti con registi/scrittori/fotografi, workshop, e di sicuro sto dimenticando qualcosa.

1970366_10203501700569606_1958959398_n
41

Pensando a Pigneto 41, la mia mente viene annebbiata da una serie di immagini estatiche: Mezze maniche con zucca, cipolle caramellate e pecorino; Bruschetta con crema di bufala e pomodori secchi; Pici con crema di cipolla e peperoncino; Focaccina con fichi e pancetta…Fermatemi, vi prego.

1797472_793416417342655_6571365284290660595_n
Trabant Bar

Il Trabant Bar è una polpetteria (attenzione: anche polpette vegane! Dopo tutto, siamo al Pigneto) e già solo questa qualifica lo rende intrigante. Oltre a questo però dispone anche di un graziosissimo giardinetto che spesso ospita dj-set, ha ottime birre artigianali e una bottigliera di tutto rispetto. Ci piace!

11044587_425287300968676_1021465210675807272_n
Birra+

Tempio sacro delle birre artigianali al Pigneto, Birra+ può vantare un centinaio di selezionatissime etichette di birre in bottiglia e sei rubinetti per la spillatura, collegati a fusti in continuo ricambio. Alcune delle birre alla spina sono prodotte personalmente dai proprietari del locale. Invidiabile anche l’assortimento di whiskey pregiati.

Comments

Altri contenuti

Interessanti

Intervista

Inspire,Connect,Build

By martinadabbondanza in Interviste



Storia

I’ll drink responsibly when they will make a brand of whiskey named Responsibly